Quello che devi sapere se compri un divano nuovo

Il divano come pochi altri elementi della casa (la cucina e il letto, per esempio) è un arredo immancabile a cui non si può proprio rinunciare. Che la casa possieda un piccolo salotto o che disponga di una più ampia zona giorno, sicuramente non si potrà proprio prescindere da un comodo divano. Vero e proprio baricentro del relax e del comfort, è sempre più spesso l’elemento centrale su cui far ruotare l’arredamento del living. Ma di divani ne esistono davvero tantissimi e districarsi nella scelta del tipo di divano più adatto allo spazio che si possiede può rivelarsi una scelta non facile.

Per fare un po’ di chiarezza ecco una piccola guida che illustra alcune fra le più note tipologie di divani presenti oggi sul mercato. Senza mai dimenticare che nella scelta del modello vanno sempre considerati i gusti e le esigenze personali, ma non bisogna mai trascurare le dimensioni e i vincoli dati dallo spazio dentro cui si inserirà il divano.

1. Compatto due posti vintage se si cerca qualcosa di facile da gestire
Piccoli e compatti, i divani 2 posti possono essere inseriti davvero in ogni genere di soggiorno, ma possono trovare spazio anche in altre zone della casa come una grande camera da letto o un’ampia cucina. Avvolgenti e comodi, pur rimanendo compatti, possono avere la più tradizionale delle forme, ma anche essere vintage, o con particolari lavorazioni.

2. Due posti dalle linee moderne se si deve ottimizzare il poco spazio
Caratterizzati da dimensioni contenute, destrutturati e lineari, i modelli di divani 2 posti più moderni e contemporanei possono avere forme particolari e scultoree o essere estremamente minimali ed essenziali. Perfetti per rispondere a esigenze di ingombri ridotti e/o per caratterizzare angoli del living particolari, ben combinano estetica e funzionalità e possono trovare spazio anche in zone giorno XS caratterizzandole con grande qualità.

3. Tre posti tradizionale se si vuole andare sul sicuro
Fra le tipologie di divani più comuni, quelli a 3 posti, comodi ma comunque compatti, mettono insieme una buona comodità a una facile composizione dello spazio. Con misure che variano a seconda dei modelli, fra i 180 e i 240 cm di lunghezza, sono oggi proposti in una gamma di modelli davvero ampia che spazia dalle soluzioni più classiche e avvolgenti a quelle più essenziali e contemporanee.  Perfetti come punto di partenza per organizzare facilmente un soggiorno di medie dimensioni (circa 30 metri quadrati) se ben organizzati con uno o più pouf, con un tavolino antistante e con un buon tappeto, danno subito vita a un angolo relax comodo e accogliente.

4. Con chaise longue se si desidera qualcosa di comodo
Variante più moderna del classico divano 3 posti, i modelli con chaise longue sono fra i più amati perché perfetti per assicurare grande comfort e relax. Strutturati come un 3 posti ma con un elemento con seduta allungata consentono, nella maggior parte dei casi, di sdraiarsi completamente.
La chaise longue, elemento caratterizzante, può avere diverse dimensioni e forme, più o meno ampie, a seconda del tipo di modello, ma anche delle dimensioni del divano stesso. Si tratta di un divano dalle dimensioni importanti da collocare preferibilmente a parete e in zone giorno non piccolissime, che permettano anche una facile movimentazione intorno.

5. Destrutturato senza braccioli se si ama cambiare
Modulare, semplice, lineare e comodissimo il divano destrutturato, componibile nelle cuscinature, è un modello che spopola negli ultimi anni. Perfetto se si dispone di una grande zona living ampia e “libera” è fra i divani uno dei più interessanti, ma anche uno dei più insidiosi. Da acquistare testandone prima la praticità, ed evitando di improvvisarsi con assembramenti di cuscini realizzando simil divani, scomodi alla lunga, può essere una semplice composizione di elementi accostati, da scegliere anche con forme diverse, o avere una base a supporto dell’insieme.

6. A “L” per risolvere un angolo
Fra i modelli più indicati per le nuove tipologie di soggiorni open space che includono anche la cucina, i divani a “L” ben si integrano agli spazi più contemporanei e permettono di organizzare facilmente angoli conversazione, come quello in foto. Interessanti non soltanto in grandi zone living aperte, ma anche in soggiorni con articolazioni spaziali non semplici, i divani a L possono ottimizzare al meglio un angolo e creare facilmente una situazione di convivio informale in una zona altresì non semplice da organizzare.

Fonte articolo: houzz.it