La tecnica Shabby chic

Oggi, le grandi aziende del settore, propongono molto spesso linee che richiamano l’idea del mobile invecchiato, visto l’interesse crescente nei confronti dello stile Shabby chic.

Shabby Chic è anche uno stile di arredamento, oltre ad essere una tecnica decorativa; è una tecnica usata sempre più per decorare mobili o suppellettili vari, donando un aspetto di vecchio e usurato.

Talvolta basta davvero poco per dare quel tocco di antico alla nostra casa, perciò anche chi è alle prime armi può benissimo cimentarsi.L’occorrente, per effettuare questo tipo di decorazione e applicarla sui mobili che più preferite, è di facile reperimento nelle nostre case.

Cosa ti serve?

L’occorrente, per effettuare questo tipo di decorazione e applicarla sui mobili che più preferite, è di facile reperimento nelle nostre case, vediamo meglio in dettaglio:

  • Oggetto di legno da decorare
  • Carta vetrata
  • Colore acrilico (bianco, panna, avorio)
  • Pennello piatto
  • Una candela

– La prima cosa da fare in assoluto è carteggiare leggermente, sia che si tratti di un oggetto in legno grezzo da decorare, sia che si tratti di un oggetto di recupero e poi rimuovere la polvere totalmente con un panno umido; è un passaggio molto importante, dal quale dipenderà il risultato finale del vostro lavoro .

– Per rendere la superficie omogenea, passate, servendosi di una spatola, dello stucco per legno su fori, nodi e rientranze: successivamente, una volta asciutto, rimuovere quello in eccesso attraverso una carteggiatura per rendere la superficie definitivamente omogenea e liscia.

– Per una maggiore uniformità della colorazione, passate un fondo per legno, in modo tale da chiudere i pori.

– Sugli angoli, gli spigoli e laddove è più probabile che l’oggetto si usuri, utilizzate la cera di una candela: strofinate queste parti con una candela di cera bianca
(Preferite la cera al protettivo all’acqua perché il risultato è meno “plasticoso”; Se vuoi accentuare l’invecchiamento puoi usare la cera bituminosa al posto della cera normale)

– Successivamente, utilizzando un pennello piatto, stendente il colore acrilico avorio o panna su tutta la superficie del mobile; ricordiamoci di effettuare le pennellate sempre nello stesso verso scelto – orizzontale o verticale – per rendere la colorazione più credibile ed uniforme.
(Sarà sufficiente effettuare una sola passata di colore, dal momento che l’effetto che vogliamo ottenere è quello di un oggetto invecchiato)

– Una volta asciutto l’acrilico, si passa all’invecchiamento, carteggiando con leggerezza lì dove abbiamo precedentemente passato la candela, soprattutto sugli spigoli e sulle parti sporgenti che per prime sono soggette agli effetti del tempo.

Quando avrete finito di trattare queste zone, passate un fissativo per fare in modo che la decorazione resista nel tempo; basta passare uno straccio inumidito, per togliere la polvere.

Adesso non vi resta altro che ammirare il vostro lavoro, perfezionandolo a vostro gusto nei dettagli, come ad esempio sostituire le maniglie o rivestire interni con carte shabby.